La vita secondo Philippe Daverio, il critico d’arte con il farfallino

Era difficile non apprezzare lo storico dell’arte Philippe Daverio.

Proverbiale papillon, espressività unica e sagacia linguistica irriverente. Sono solo alcune delle caratteristiche che mai dimenticheremo di Philippe Daverio (1949-2020), l’ultimo divulgatore dell’arte. Perché se è vero che di critici e curatori ne abbiamo (per fortuna) ancora molti, nessuno di loro possiede l’amichevole piglio di Daverio. Era l’unico capace di rendere familiare anche l’arte più complessa e dimenticata.

Per questo il grande pubblico lo apprezzava e lo seguiva da anni nelle sue innumerevoli attività. Scrittore, critico, gallerista e politico, con il suo stile sofisticato ma mai spocchioso, è entrato nelle case degli italiani attraverso la televisione e gli oltre 50 libri scritti in carriera. Diversi i programmi di divulgazione culturale – Passapartout, Rai 3, su tutti – che l’hanno visto protagonista. I contributi, mai banali, erano volti a riscoprire e valorizzare il patrimonio artistico italiano, da lui definito un museo en plen air. Innumerevoli le mostre che ha organizzato lungo tutto lo stivale.

Raccontava dell’arte in modo diretto, piacevole ma non piacione, perché di essere apprezzato a tutti i costi a Philippe Daverio non interessava. E difatti i colleghi storcevano il naso di fronte al suo ostinato spirito anti-accademico. Nato nella città francese di Mulhouse il 17 ottobre 1949, ha dato tutti gli esami di Economia e Commercio ma non ha mai consegnato la tesi di Laurea.

Ero iscritto alla Bocconi nel 1968-1969, in quegli anni si andava all’università per studiare e non per laurearsi. Milanese a cui non piaceva Milano, ha criticato i grattacieli e difeso l’utilizzo degli animali nei circhi, dimostrando che il pensiero libero ancora esiste.

Ripassando idealmente davanti alle sue gallerie di Milano e New York, sarà allora impossibile non lasciarsi scappare un sorriso al ricordo di Philippe Daverio, il dandy che piaceva perché totalmente disinteressato a piacere.

Print Friendly, PDF & Email
Mostra social
Nascondi social