The Bad and the Beautiful, un nuovo film celebra Helmut Newton

In arrivo un nuovo special cinematografico  che celebra la vita e la carriera di uno dei fotografi più iconici, Helmut Newton

Presentato in anteprima al Tribeca Film Festival in aprile e prossimamente in programmazione anche in Italia,  (la data è in attesa di conferma a causa dell’emergenza coronavirus), dal punto di vista temporale, coincide con quello che quest’anno sarebbe stato il centesimo compleanno del visionario (è morto in un incidente automobilistico fatale in California nel 2004)

Il film, intitolato Helmut Newton: the Bad and The Beautiful, si concentra sulla sua ambigua e controversa fotografia erotica in bianco e nero, su un uomo complesso e un artista geniale .

Provocatorio e conosciuto per il suo personaggio divertente e giocoso, a tal punto che persino la scrittrice Susan Sontag lo ha accusato pubblicamente di essere un misogino (ci sono filmati d’archivio di un talk show francese, quando discute con il “King of Kink” spesso descritto nel film) .

Quindi era sessista o femminista?  Trattava le donne come soggetti o oggetti del suo obiettivo? Per rispondere a queste domande, il regista Gero von Boehm passa il microfono ai soggetti più famosi di Helmut Newton. Claudia Schiffer, Charlotte Rampling, Grace Jones, Isabella Rosselini, Catherine Deneuve e Sylvia Gobbel che, tra gli altri, sostengono che Newton li ha autorizzati a essere più forti. Rendendo omaggio all’icona, con storie accadute dietro le quinte.

Anna Wintour, che spesso commissionava le foto a Newton per la rivista, svela che sapeva bene che le immagini prodotte sarebbero state abbastanza potenti da indurre i suoi lettori a interrompere qualsiasi cosa stessero facendo in quel momento.

“Molte persone pensano che le donne che ha fotografato fossero solo oggetti”, dice Gero von Boehm, il regista e caro amico di Newton. “Certo, tutto davanti a un obiettivo diventa un oggetto, ma Helmut voleva mostrare le dimensioni delle donne e raccontare le loro storie “. Continua:” Le sue foto erano l’inizio o la fine di una storia e il resto sono semplicemente le nostre fantasie attorno ad essa “.

Print Friendly, PDF & Email
Mostra social
Nascondi social