Come corteccia bruciata. Le lampade di porcellana di Jes Paone sono pezzi unici

View Gallery
4 Photos
Come corteccia bruciata. Le lampade di porcellana di Jes Paone sono pezzi unici
Jes Paone

Desert lighting series

Come corteccia bruciata. Le lampade di porcellana di Jes Paone sono pezzi unici
Jes Paone

Desert lighting series

Come corteccia bruciata. Le lampade di porcellana di Jes Paone sono pezzi unici
Jes Paone

Desert lighting series

Come corteccia bruciata. Le lampade di porcellana di Jes Paone sono pezzi unici
Jes Paone

Desert lighting series

L’architetto e designer newyorkese Jes Paone ha creato una collezione di lampade in collaborazione con la ceramista Anne Paone, sua zia. La luce filtra traballante da un guscio di porcellana screpolata.

La serie Desert comprende sette varianti, che vanno dalle lampade da tavolo a quelle pendenti, che scendono dal soffitto tramite fissaggi in ottone. Attraverso le fessure delle lampade, che ricordano i letti dei fiumi secchi o la corteccia bruciata degli alberi, le luci semitrasparenti emettono un bagliore rosso e vagamente sinistro.

“Volevo un oggetto molto più artigianale rispetto alla maggior parte degli infissi in porcellana incandescente. Il risultato che abbiamo ottenuto è stato qualcosa che né Anne né io avevamo mai visto o immaginato sarebbe stato.”

Invece di fare affidamento su uno stampo, Anne Paone ha lavorato le forme organiche a mano mentre Jes teneva sotto controllo l’evoluzione generale. Questo processo, perfezionato dal duo nel corso di pochi anni, produce ogni volta un risultato unico. Non ci sono mai due manufatti uguali, che siano i pendenti sferici o le applique a forma di bozzolo.

I fissaggi industriali in ottone sono in diretto contrasto con la fluidità della porcellana bianca, creando un gioco sfumato di colori e trame. Gli stessi fissaggi sono modulati per adattarsi alle diverse dimensioni e forme delle tonalità di ceramica.

Jes Paone ha recentemente lasciato la sua posizione di vicepresidente della divisione architettura e design presso il DDG di New York, dove ha co-progettato progetti tra cui la torre 180 East 88th Street influenzata dall’art déco e i condomini The Standish a Brooklyn.

Ora progetta principalmente per il suo omonimo studio di architettura e la serie Desert segna la sua prima incursione nella produzione di una serie di prodotti commerciali.

“Il design del prodotto ha molta più immediatezza dell’architettura e richiede molto meno di tutto per essere completato. Il mio obiettivo è continuare a lavorare su tutte le declinazione del design.”

Print Friendly, PDF & Email
Mostra social
Nascondi social