Pioniera del futuro green, York progetta un quartiere a zero emissioni di carbonio

View Gallery
1 Photos
Pioniera del futuro green, York progetta un quartiere a zero emissioni di carbonio
5025

La città inglese di York ha in programma di costruire il più grande progetto di alloggi a zero emissioni di carbonio della Gran Bretagna ;600 case in paradisi ciclistici senza auto, pieni di alberi da frutto e orti.

La città inglese ha un passato di impegno nello sviluppo ambientale che risale agli inizi del’900 quando Joseph Rowntree, cioccolatiere-filantropo dello Yorkshire, serbava il sogno di costruire”case migliorate” per i lavoratori e, nel 1902, rivelò i suoi piani per il villaggio sperimentale di New Earswick, ai margini di York.
Un villaggio di case e botteghe artigianali con interni illuminati di luce naturale, aria fresca e il lusso di bagni interni. Il progetto ha continuato a ispirare il programma nazionale Homes Fit for Heroes dopo la prima guerra mondiale, aprendo la strada alla nascita di case popolari.

Più di un secolo dopo, York è pronta a rompere gli schemi
ancora una volta.

Sono stati appena presentati i piani per la prima fase del programma abitativo presumibilmente più ambizioso del Regno Unito guidato dal comune in una generazione. La città ha in programma di costruire almeno 600 case in otto siti all’interno della tangenziale, ciascuna progettata per avere una cifra netta di emissioni di carbonio pari a zero. Ogni elemento del progetto, dalla porta principale alla rete di trasporto, è messo a punto per affrontare l’emergenza climatica a testa alta. Michael Jones, capo della consegna degli alloggi presso il Comune di York ha affermato “I nostri mali sociali odierni vanno dalla solitudine e isolamento alla povertà alimentare e alla crisi climatica. Puntiamo ad affrontare ogni aspetto con queste nuove case “. Il consiglio ha scelto come architetto capo lo studio londinese Mikhail Riches, lo studio dietro l’acclamato Goldsmith Street di Norwich, vincitore del premio Stirling. Lo schema di 100 case popolari ha mostrato che il rigoroso standard Passivhaus a basso consumo energetico non deve significare brutte scatole con finestre minuscole. Le bellissime case a schiera in mattoni, con soffitti alti, spessi muri isolati e costruzione completamente a tenuta d’aria, sono inserite in un piano generale sapientemente curato, con spazi di gioco comuni e la sensazione di vicinato affiatata di una tradizionale terrazza vittoriana. Ma York punta ad andare ancora oltre. “Passivhaus è come un campo base quando cerchi di scalare l’Everest a zero emissioni di carbonio”, afferma l’architetto David Mikhail. “Stiamo progettando di andare al di là, prendendo in considerazione molto di più del semplice tessuto efficiente delle case”.Partendo dai principi primi, i piani implicano niente di meno che ripensare il modo in cui tali quartier i possono essere organizzati.

Le auto saranno bandite

Presenti solo negli angoli dei siti, in modo che le strade possano essere dedicate interamente alle persone e agli spazi di gioco.
Generosi “ginnels” verdi, o passaggi tra le case, correranno tra le file di case e intorno ai bordi degli sviluppi, fornendo aree comuni per il giardino, sedersi insieme e coltivare cibo. E – caratteristica essenziale in questa città compatta, piatta e ciclabile – ogni casa sarà dotata di un capannone per biciclette, o anche due, dotato di punti di ricarica elettrica, mentre sarà disponibile anche una flotta di “cargo bike” condivise per il noleggio. , per quelle occasioni in cui le borse laterali non lo tagliano del tutto.
Le terrazze ad alta densità di pochi piani saranno orientate per sfruttare al massimo il sole, solo che questa volta i tetti saranno anche coperti con pannelli solari e le case saranno riscaldate da pompe di calore ad aria ad alta efficienza energetica. Anche l’energia incorporata dei materiali da costruzione (l’energia consumata nella loro estrazione, produzione e trasporto) sarà attentamente monitorata, non solo il consumo energetico della casa .

Gli edifici saranno intelaiati in legno e, sebbene ci saranno ancora mattoni, saranno integrati con intonaco grezzo e rivestimento in legno durevole. Ma forse l’elemento più importante è il modo in cui i piani sono stati sviluppati in stretta consultazione con le comunità locali, per garantire che si colleghino all’ambiente circostante, a differenza di tanti schemi cul-de-sac di mentalità suburbana sfornati da grandi costruttori di case.
Vialetti asfaltati e vicoli ciechi, una rete permeabile di sentieri per le persone, costellata di orti e alberi da frutto. “È importante affrontare il cambiamento climatico, ma anche costruire case in cui le persone amano vivere”, afferma Denise Craghill, consigliera del partito dei Verdi di York incaricata degli alloggi. Il consiglio, come molti altri, ha dichiarato un’emergenza climatica e si è impegnato a raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2030, un obiettivo più ambizioso rispetto alla scadenza del 2050 del governo. “Siamo determinati a costruire case che siano calde e confortevoli e che riducano le bollette a livelli estremamente bassi”, aggiunge Craghill, “ma che siano anche ottimi posti in cui vivere per molto tempo e che possano essere adattate al mutare delle circostanze. Si tratta di ripensare uno stile di vita olistico a basse emissioni di carbonio a lungo termine “.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Mostra social
Nascondi social